SITO LIBRI-SITO LAVORO

Tempo fa un collega mi diceva come non fosse "professionally correct" rendere totalmente accessibile il sapere, specie quello di natura professionale. Il sapere sarebbe come una merce e nel momento in cui la sua usufruizione é gratuita questo perde di valore, é una vecchia teoria di Freud come si sa: un sapere ed una cura sono tanto più seriamente considerati dall'utente quanto più sono pagati. Vi é chi si é arricchito su questa idea.

Lo stesso collega mi ha fatto notare che a suo parere troppa parte del mio sapere é già pubblica,  in generale che esso é troppo accessibile.  Non so dire se per ingenuità o superbia ma in effetti sino ad ora é andata così, il mio sapere l'ho sparso in molti luoghi pubblici, l'ho trasmesso ad altri come informazione, in una parola l'ho socializzato. Tra l'altro non tutti coloro che l'hanno ottenuto, devo dire, ne hanno fatto buon uso.

Problema non da poco se poi costoro dichiarano di averlo appreso da me, problema comunque se dichiarano di averlo acquisito per conto proprio.

 

Se considero che il "sapere", anche quello personale, é comunque un prodotto sociale, quello mio mi vien proprio voglia di renderlo pubblico, tutto. Il sapere come merce soggetta alle leggi di questa economia mi fa orrore come quando si fa dell'acqua, dell'aria e del paesaggio una questione di rendita o di domanda e offerta.

 

Il sapere é studio, esperienza,  lavoro,  tempo cristallizzato in quella particolare conoscenza. In una società di mercato che tutto trasforma in merce, a partire dalle capacità lavorative, bisogna prendere atto (guardando il rosso del tuo conto in banca) che se non hai una rendita garantita é davvero difficile sopravvivere se non ti adegui e non adegui il tuo lavoro, il tuo sapere a quelle stesse leggi. De Andrè cantando spiegava meglio di Freud (come etica) di aver capito, anzi di essere stato costretto a capire che in questa società  "... la scienza non puoi regalarla alla gente se non vuoi ammalarti del medesimo male".

Se fai dello studio della scienza la tua attività principale e vivi in una società di mercato, alla fine devi sottostare alle leggi di tutte le merci. Anche se ti dispiace ed anche se per tanto tempo non hai fatto così.

Poi lo studio se é serio é anche fatica e riesce meglio se non devi arrancare per la tua sopravvivenza.

Ora quel mio collega ed amico, che certo leggerà queste righe, penserà "finalmente Gianfranco é diventato grande", molti altri penseranno che prendere atto dell'esigenza di esistere vendendo il proprio lavoro  (e sapere) al mercato é un modo di crescere, ma non é così per me. Personalmente lo considero un essere tornato indietro, per quanto obbligato.

Sognando un mondo nel quale prodotto sociale sia scambiato con altro prodotto sociale, mi adeguo (spero con molte eccezioni).

 

 

Cosa intendo con SITO-LIBRO e LAVORO........argomento volgare

La presunzione é che in questo sito si possano trovare tante informazioni, tante nozioni ed esperienze, da rendere la sua lettura sufficientemente formativa quanto lo é quella di un buon testo. Tra l'altro in una qualità che dovrebbe migliorare man mano che il sito viene aggiornato.

Indubbiamente Internet modificherà ed ha già molto cambiato i modi di usufruizione della cultura ed é probabile che nel futuro persino la vecchia concezione di libro diventi obsoleta, forse fra 50 anni le case degli intellettuali non avranno più quelle caratteristiche librerie davanti alle quali essi si fanno così volentieri intervistare.

Nel bene e nel male (io ad esempio amo toccare i libri, manipolarli) questa cosa avverrà.

 

Nella rete Internet esistono già siti dai quali é possibile scaricare dei testi per una lettura in digitale oppure per poterseli stampare a piacimento una volta acquistati i diritti, io però vorrei dare a  questo sito sia la forma tradizionale (sito informativo, che abbia qualche approfondimento e che si faccia anche un po' portale di argomenti correlati) che quella della libreria dalla quale poter scaricare specifici testi e materiali di carattere formativo (come CD e DVD), pagine particolarmente significative. Materiali appunto da considerare lavoro e quindi da scambiarsi con valore economico o altre contropartite.

 

Nella rete ho visto che i siti a carattere professionale sono avari di approfondimenti, anche alcuni siti di taglio scientifico lo sono, a riprova del fatto che molti di questi sono in qualche modo equiparabili a vetrine nelle quali i contenuti espressi servono principalmente per invitare il cliente ad entrare "nel negozio" (una terapia, uno studio professionale, una scuola di formazione, eccetera). Lo so che questo é un modo particolarmente volgare di trattare la cultura, infatti non a caso gli intellettuali hanno sempre delegato questo compito ad altri, ma é qualcosa che riguarda anche loro e che non si può scotomizzare dall'attività intellettuale se non per via ipocrita, negli Stati Uniti si dice che al fondo di tutte le cose si trova "the line of bottom". Volgare ma rende l'idea.

 

In questo sito potranno essere visionate pagine di un certo spessore (neanche scritte tutte da me tranquilli) e nello stesso tempo essere scaricati testi e pagine riservate e particolari dietro autorizzazione mia. Non so bene sul piano tecnico come si fa, ma mi sto attrezzando.

 

Le istruzioni saranno date in apposito link in questa stessa pagina, per ora vi basti il sito nella parte pubblica.

 

 

 

 

 

 

 

NEWS:

FEBBRAIO 2015, E' in arrivo IL PRIMO MIO TESTO SULLA COSIDDETTA SINDROME DI TOURETTE, 340 pagine, 520 note, autore Gianfranco Morciano

SETTEMBRE 2011 lasciato Centro Walden di Segrate

Settembre 2011

Per incompatibilità etica con i metodi di gestione della cooperativa Mosaico Servizi comunico di aver lasciato la supervisione e la direzione del centro  di Segrate, centro che pur ho fondato. Gli interessati possono scrivermi nella messaggista di questo sito.

per laureandi
borsa_studio.pdf
Documento Adobe Acrobat 583.9 KB

Siamo su OK La Salute

OK La S. 1.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB
OK LA S. 2.pdf
Documento Adobe Acrobat 941.2 KB
OK La S. 3.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

il Master post-laurea è sempre aperto a Sorrento

E' sempre attivo presso il Centro Internazionale Carl Delacato e con il Centro per le Neuroscienze dello Sviluppo di Sorrento, il master post-laurea biennale in  Operatore del Neuro-sviluppo sensorio-motorio. Potranno iscriversi laureati in Psicologia, neuro-psico-motricità, Educazione Professionale ed anche altre lauree purché inerenti l'ambito della cura. E' possibile l'ammissione al corso di insegnanti di primo e secondo grado, con preferenza agli addetti alle attività di sostegno.