pagina in costruzione

Dì la tua

 

A distanza di una settimana E. ha completamente superato questa compulsione. È  contentissimo, ha detto "è un'altra vita". Mi ha chiesto se la vedrà ancora e ho capito che gli piacerebbe, magari dopo le vacanze potremmo trovare un momento  e concordare i futuri passi.

Io non so veramente come farle capire il sollievo che ha procurato alla nostra  famiglia, personalmente è il regalo di Natale più bello che abbia mai ricevuto.

M. B. , mamma di E. di 7 anni,  15.12.08

 

 

…sabato scorso ho partecipato all'iniziativa presso il cdd e l'ho

trovata molto interessante offrendomi spunti per ulteriori riflessioni sul

piano professionale. Molto bravo il conduttore spagnolo e Gianfranco

Morciano, interessante la prospettiva neurocentrica da loro presentata. Se capitano iniziative analoghe informami che coinvolgo anche il nostro

personale, se senti Morciano ti prego oltre che di salutarlo anche di

offrirgli questa mia breve riflessione.

Giuseppe Memeo, coordinatore di servizi educativi e riabilitativi provincia di Milano, 30.10.2008

 

In effetti é vero, scrivere mi ha fatto bene. Quando ho scritto

, nonostante la grande sensazione di vergogna e di disagio, ho

provato un grande sollievo.

P.C.  Milano, 16.09.08

 

Gianfranco è un esperto di pedagogia speciale che vanta una notevole

esperienza nell’ambito dei disturbi da tic, dell’ADHD e dell’autismo.

Con tenacia e determinazione ha fondato l’Associazione Sindrome di

Tourette-Siamo in tanti e grazie alle sue indiscutibili competenze è

diventato subito un punto di riferimento per tutti i ragazzi che hanno

bisogno di un supporto concreto per affrontare le difficoltà

scolastiche e per i genitori che devono imparare a gestire i problemi

dei figli con la scuola e con i pari. L’esperienza ultraventennale

presso diversi servizi territoriali dell’hinterland milanese fa di

Gianfranco un professionista aggiornato e attento ai reali bisogni

formativi dei ragazzi che hanno bisogno di un sostegno nel loro

percorso formativo.

Chiara Fastame, docente di Psicologia Università di Pavia (ed autrice del testo   “La sindrome di Tourette”, ed. Carocci), 06.10.2009

 

 

 

…mi raccontano del suo intelligente impegno educativo e culturale, delle tante esperienze fatte e tentate con convinzione da un bel gruppo di persone motivate  a dare il meglio di sè per formare professionisti competenti al servizio delle persone.

In questo gruppo lei ha dato molto, con voglia di fare e di innovare, sia nei contenuti che nel metodo.

Leggo di  una  sua "nuova stagione": sono certa  che per lei sarà una  "buona stagione"  perchè saprà sperimentare che ogni stagione ha le sue ricchezze e ci offre la possibilità di continuare con generosità a mettere a frutto i nostri talenti.

Milena Diomede Canevini, Fondazione Zancan,  Giugno 2009

 

 

 

 

….riguardo il disturbo da richiesta di ripetizione verbale.

Questo disturbo ,in mia figlia di circa 12 anni, si è presentato

alternativamente con altri, con una certa frequenza.

L'ultima volta abbiamo utilizzato la tecnica suggeritaci dal Prof. Morciano consistente in una tecnica di scrittura in tre fasi che ha dato risultati eccellenti in poco tempo.

Al momento non si è più ripresentato ,comunque è rassicurante poter

pensare/contare su un qualcosa di facile da mettere in atto e assolutamente non  invasivo nell'eventualità.

L. S . , Cagliari, 10.10.2009

 

 

 

Gli esercizi Giulia li ha iniziati a Marzo 2008 con pause concordate e con sempre  maggiore perfezione,tuttora ha iniziato un programma che durerà fino a Luglio.  Per la nostra esperienza sono stati la soluzione di molti aspetti della bambina e la tensione generale le si è ridotta drasticamente. Il nostro è stato un bombardamento  graduale: psicoterapia, esercizi, alimentazione, educazione.

Per lei è stato importante

 riuscire a parlare delle sue paure ed affrontarle,fare ordine nelle sue emozioni riconoscendole partendo dal pensiero e imparando ad usare la razionalità nelle varie situazioni che lei racconta.

 Gli esercizi motori hanno accompagnato questa fase lavorando sullo schema motorio  per riorganizzare e coordinare. Ancora esercizi per ipersensorialità tattile mani -piedi e udito affrontando superfici e rumori percepiti come fastidi, fastidi che lei allontanava con tic anche vocali,  ora non più.

 Importante per lei é stato acquisire il metodo perché saprà lei quando utilizzarlo.

Per avere la collaborazione del bambino è importante la fiducia che ha lui nel terapista che glieli propone. Il lavoro é per tutti  impegnativo, ma il primo ad essere convinto deve essere il bambino che si

 deve sentire coinvolto da questa cosa come fosse la sua medicina.

A casa tutti lavoriamo  e gli impegni si possono organizzare ma gli esercizi vanno fatti giornalmente con i genitori scegliendo il momento della giornata più indicato per voi per rispettare i tempi  e

del bambino creando un angolo apposito. Questo è quello che è stato insegnato a noi.

Quando finiranno?Non lo so,e il problema non me lo pongo,Giulia li fa a volte sbuffando ma è molto brava anche solo per la costanza,  i risultati li vediamo insieme è questo che conta e che ci fa continuare.

Poco tempo fa sul giornale Oggi ho letto un servizio su un bambino di Piacenza celebroleso e dato per spacciato otto anni fa dalla medicina ufficiale, questo bambino tredicenne è riuscito  a partecipare con le sue gambe alla marcia in suo onore grazie al metodo Doman-Delacato, fatto

di esercizi con movimenti coordinati studiati al minuto, con impegno totale dei genitori  che lo assistono insieme a cinque volontarie. Il loro è un programma pesantissimo,ma i risultati sono straordinari. Il nostro a confronto non è neanche la metà...detto questo penso

 che anche per i nostri bambini quando possibile la parte riabilitativa deve farsi conoscere  senza per questo escludere il medicinale quando occorre. Noi per questo saremo sempre  grati a Gianfranco che ha capito i bisogni e la personalità della bambina e ha lavorato di conseguenza

utilizzando i suoi studi e ricerche come è suo solito fare a chi a lui chiede aiuto. Ma dove trovare un altro Gianfranco, Selene, Chiara e tante altre persone straordinarie che conosciamo e che ci stanno aiutando a fare stare meglio i nostri ragazzi come dice anche Angie?

Scusate se mi sono allungata un po' ma l'argomento lo sento particolarmente.

Adele  Incerti sul forum di AST-SIT, Suzzara (MN) 

 

 

 

 

IL docente (Morciano) ha mostrato ottime  capacità comunicative, trasmettendo una carica di passionalità motivazionale che riesce a  veicolare meglio i contenuti.

Riguardo al contenuto ritengo sia stato importante presentare, in un ambito di formazione permanente rivolta ad educatori professionali operanti da molti anni  nell'area della disabilità,   un approccio metodologico  che stimola il ragionamento e  la ricerca di criteri comuni di analisi e costruzione di  dati "oggettivi" da  poter utilizzare   per l'avvio di  percorsi di  progetti individualizzati, un metodo che fornisce  un supporto tecnico con l'obiettivo,  tra l'altro,  di limitare

i rischi di   discrezionalità soggettiva -sempre molto alti  nel ns. settore lavorativo e tali da determinare confusione e ricadute negative sull'esito degli interventi.

IL modello presentato si caratterizza per aspetti di scientificità e di

sperimentazione -assai distante  purtroppo (a mio avviso) dalle realtà operative  esistenti nei servizi alla persona ed in particolare per quelli rivolti alle fasce deboli..)-  fornisce un  valido aiuto agli operatori del settore, e può essere un elemento di garanzia di maggiore efficacia degli interventi realizzati.

 

Tiziana Mosciatti, Centro Disabili S.Giusto del Comune di Milano,

 dopo corso di formazione con Morciano 

 

 

 

 

Il professore Morciano mi ha ridato una vita normale forse anche migliore di quella di prima.

A causa delle mie ossessioni e dei tic che facevo mi trovavo in una situazione  alquanto difficile e non riuscivo a svolgere le azioni più semplici della vita quotidiana: mangiare  a tavola, prendere un autobus, uscire di casa.

Mi ha insegnato come capire e sentire  le cause delle mie tensioni e ad usare  una tecnica di scrittura che mi ha permesso di comprendere che la maggior parte delle mie paure erano irreali e quindi di smontarle dalla mia testa una ad una.

Grazie a lui ed al lavoro del Neurologo Parisi ho fatto dei veri e propri esercizi fisici per riequilibrare gli schemi motori che mi davano più tensione.  Morciano mi ha fatto capire che le paure più le fuggi e più diventano grandi e che quelle vere bisogna tenersele come dice lui sulle spalle e conviverci, perché in fondo

ogni persona le ha..

Luigi Marfé, Napoli  2009

 

 

 

 

 

Gentile Professore,

buon anno anche a Lei...

ma non solo...

Le auguro con tutta la gioia che anche nella sua vita possano esserci degli" incroci "così giusti e belli così come incontraLa è stato nella vita di mio figlio e nella mia.

Dalla visita e dal colloquio del giorno 16 dicembre...è stato un continuo

crescendo fino al giorno 31 quando Mimmo si è svegliato ed ha cominciato ad ingoiare...così... con la normale naturalezza di tutti..come se i quattro anni passati a combattere con la saliva e le paure non ci fossero mai stati... ..e così, improvvisamente, siamo stati scaraventati in una normalità ormai dimenticata....come passare in una stanza diversa .successiva...chiudere una porta dietro di sè... lasciandosi alle spalle una camera devastata da ansie..angosce..delusioni..disperazione..disillusioni...

devastata e violata (proprio come fanno i ladri)da una malattia che aveva

rubato la vita a mio figlio e la mia...

Non so esattamente dal punto di vista neurologico cosa possa essere accaduto di preciso e repentino...so solo che è successo ma oltre per la sua comprovata capacità professionale anche perchè Lei ha saputo soprattutto entrare nelle pieghe più profonde di mio figlio... smuovere...resettare e riassestare .. e questo anche con le parole..con il mettersi dalla sua parte, nella sua testa..allinearsi con lui..

..una mano sulla spalla per attraversare un tratto buio fino alla svolta...

e penso che questo possa succedere solo se persone preparate come Lei mettono anche tutta la passione possibile in quello che fanno..ogni giorno..piccoli pezzi..piccoli mattoncini senza mai arrendersi..senza mai fermarsi o indietreggiare...

Questo quello che è stato e io mi sono sentita mio figlio come " amato".

ma con naturalezza..senza forzature..non perchè dovuto..

perchè certe persone come Lei, professionisti  e uomini..hanno un dono..

saper aiutare ed amare ..hanno la forza delle "parole"..

parole che placano, che rasserenano, che disvelano e sciolgono nodi che

nessun farmaco potrà mai fare..

 

La chiamerò con calma e le porterò ancora Mimmo perchè senta le Sue parole e la Sua bravura ancora a supporto del percorso di guarigione..

… sono convinta che la mia esperienza possa aiutare anche tanti genitori a capire che da queste patologie si può guarire ma non bisogna mai arrendersi..mai smettere di lottare e difendere i propri

figli dalla malattia..cercando, trovando gli aiuti giusti... che sappiano usare "come" e "con" i farmaci l'intuizione,l'esperienza,la professionalità, la passione ed il rispetto e l'affetto

grazie

anna santoro, 12.gennaio. 2010  Salerno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PUOI SCRIVERE ANCHE TU

Puoi inviare le tue considerazioni sull'esperienza avuta con Gianfranco Morciano e vederle pubblicate compilando il formulario sottostante.

Per la pubblicazione é necessario inserire data e città di residenza.

Grazie

GFM

Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

NEWS:

FEBBRAIO 2015, E' in arrivo IL PRIMO MIO TESTO SULLA COSIDDETTA SINDROME DI TOURETTE, 340 pagine, 520 note, autore Gianfranco Morciano

SETTEMBRE 2011 lasciato Centro Walden di Segrate

Settembre 2011

Per incompatibilità etica con i metodi di gestione della cooperativa Mosaico Servizi comunico di aver lasciato la supervisione e la direzione del centro  di Segrate, centro che pur ho fondato. Gli interessati possono scrivermi nella messaggista di questo sito.

per laureandi
borsa_studio.pdf
Documento Adobe Acrobat 583.9 KB

Siamo su OK La Salute

OK La S. 1.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB
OK LA S. 2.pdf
Documento Adobe Acrobat 941.2 KB
OK La S. 3.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

il Master post-laurea è sempre aperto a Sorrento

E' sempre attivo presso il Centro Internazionale Carl Delacato e con il Centro per le Neuroscienze dello Sviluppo di Sorrento, il master post-laurea biennale in  Operatore del Neuro-sviluppo sensorio-motorio. Potranno iscriversi laureati in Psicologia, neuro-psico-motricità, Educazione Professionale ed anche altre lauree purché inerenti l'ambito della cura. E' possibile l'ammissione al corso di insegnanti di primo e secondo grado, con preferenza agli addetti alle attività di sostegno.