Questo sito

Severini, autoritratto. 1913
Severini, autoritratto. 1913

ATTENZIONE, il Sito di Gianfranco Morciano é ancora in costruzione.

Solo i link a destra con a fianco l'asterisco riportano delle parti scritte (altrimenti sono pagine vuote o in costruzione) 

 

 

A chi mi rivolgo

MI rivolgo inannzitutto agli studenti della classe delle Lauree riabilitative della facoltà di medicina, ai miei studenti e corsisti di oggi ed a quelli di ieri, alcuni di loro oggi miei collaboratori e colleghi.

L'intento é quello di mettere nero su bianco alcuni argomenti e fissare una specifica posizione teorico-operativa nel campo dell'educazione speciale e della cura.

Penso che il sito possa essere di interesse per gli studenti di Scienze della Formazione, gli studenti dei licei pedagogici e delle scuole sociali, per gli Operatori Socio Sanitari e tutte le figure professionali implicate nel lavoro di educazione, insegnamento e cura.

 

Poi auspico che il sito possa orientare coloro che hanno chiesto aiuto a me ed ai Centri nei quali opero come Direttore e supervisore, a loro ed alle loro famiglie.

Spero divenga anche un luogo di incontro e discussione (più avanti aprirò in alcune pagine anche dei blog). Vedremo.

 

Il sito

Come molte altre cose che ho fatto anche questo sito nasce con diverse velleità, tra queste quella di cominciare a raccogliere il numeroso materiale che ho distribuito in giro in più di due decenni (atti, conferenze, scritti, progetti, relazioni, corsi di formazione, etc.) di attività professionale e che non sono mai riuscito a raccogliere in una composizione organica.  L'altra é quella di offrire spunti di confronto e metodi ai numerosi operatori dell'educazione speciale e del lavoro socio-sanitario che in questi anni si sono accostati alle mie attività o che soltanto si sono interessati ai modelli di intervento che proponevo loro, a partire dai corsi in Università nella classe delle Lauree della Riabilitazione.  Molte volte mi hanno chiesto di "scrivere il mio testo" o di avere la segnalazione di un testo che potesse essere compendio di quei contenuti, che ovviamente non sono farina del mio sacco ma che sono distribuiti in qualche centinaio di altri testi e sopratutto sono legati all'esperienza diretta, i miei modelli alla fine non sono che una particolare sintesi di ciò che altri uomini hanno saputo elaborare e comprendere in un certo campo, usati come filtro della mia particolare esperienza.

Avendo sempre pensato che ognuno dovesse farsi la sua di sintesi, ho sempre suggerito di leggersi i testi alla fonte (nei capisaldi teorici ed applicativi), poi di costruirsi la propria struttura per approfondire la ricerca. In questo senso i testi li indico volentieri, ma un compendio organico proprio non ce l'ho.

Poi c'é già tanta gente che "scrive" (a fronte della poca che legge) e per questo la risposta che più frequentemente ho dato é stata appunto... "leggi e non cercare scorciatoie", oppure: "ci manca solo che mi ci metto anch'io a scrivere, cose che tra l'altro altri hanno scritto molto meglio di me".

 

Per scrivere bisognerebbe avere tre condizioni: la prima é avere qualcosa da dire che non sia stato già scritto (non vedo perché ripetere); la seconda é avere del tempo, e per avere del tempo per scrivere ovviamente bisognerebbe essere abbastanza ricchi (e qua mi fermo); la terza é che bisognerebbe non essere intolleranti delle regole formali, quelle imposte dagli editori e non solo quelle.

Sulla terza condizione amici é dura, a me non c'é nulla come imporre una regola per spingermi a violarla, sulla prima qualcosina (magari modesta) da scrivere l'ho avuta, sulla seconda condizione non c'é proprio niente da fare. Inutilmente ho cercato un magnate disponibile a mantenere me e i miei figli almeno per un annetto.

Nelle pieghe qualcosa comunque ho scritto, ad esempio per bisogno mio ho cominciato a scrivere appunti sul rapporto tra educazione (e cultura dell'educazione) ed economia, qualcosa che ha cominciato a prendere forma di testo, ma sono arrivato a molto oltre la metà  quando altri interessi mi hanno distratto...ho pensato "lascio un attimo per quest'altro impegno e poi lo riprendo", ma come avrete già capito é rimasto lì a guardarmi dalla mia coscienza ed a sollecitare dallo scaffale il mio senso di incompiutezza...insieme ad altri scritti mutilati.  Quello sulle tecniche di riflesso per contrastare i tic ad esempio, quello sulla problematica attentiva, argomento a me tanto caro perchè...l'avete già capito dai.

 

 

NEWS:

FEBBRAIO 2015, E' in arrivo IL PRIMO QUADERNO SULLA COSIDDETTA SINDROME DI TOURETTE, 340 pagine, 520 note, autore Gianfranco Morciano 

SETTEMBRE 2011 lasciato Centro Walden di Segrate

Settembre 2011

Per incompatibilità etica con i metodi di gestione della cooperativa Mosaico Servizi comunico di aver lasciato la supervisione e la direzione del centro  di Segrate, centro che pur ho fondato. Gli interessati possono scrivermi nella messaggista di questo sito.

per laureandi
borsa_studio.pdf
Documento Adobe Acrobat 583.9 KB

Siamo su OK La Salute

OK La S. 1.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB
OK LA S. 2.pdf
Documento Adobe Acrobat 941.2 KB
OK La S. 3.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

il Master post-laurea è sempre aperto a Sorrento

E' sempre attivo presso il Centro Internazionale Carl Delacato e con il Centro per le Neuroscienze dello Sviluppo di Sorrento, il master post-laurea biennale in  Operatore del Neuro-sviluppo sensorio-motorio. Potranno iscriversi laureati in Psicologia, neuro-psico-motricità, Educazione Professionale ed anche altre lauree purché inerenti l'ambito della cura. E' possibile l'ammissione al corso di insegnanti di primo e secondo grado, con preferenza agli addetti alle attività di sostegno.